Val San Nicolò

Conturina:
“Son de sas e no me meve
son de crepa enmarmolèda
son na fia arbandonèda
e no sé per che rejon.
Gé son bela daperdut
gé son sana fin en fond
e no l’é persona al mond
che me posse someèr”.

“La Cianzon de Conturina”

E’ una storia triste, cantata un tempo dalle “resteléris”, che al tramonto, dopo un giornata di lavoro sui prati della valle, si tramandavano gli antichi versi del canto, guardando con meraviglia le imponenti pareti dell’Ombretta per rintracciare ancora l’immagine della bellissima e sfortunata ragazza…